Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 213
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0221
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0221
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Q u î n t o ; a i S

grande orbita di tutte, che ha, non vi sa-
prei ben dire quanti, milioni di milioni
di miglia di circuito , viene in trent’ anni
descritta , come già sapete, da Saturno ;
ed essa comprende quelle degli altri pia-
neti, Giove Marte la Terra Venere e Mer-
curio , i quali penetrati tutti dalla virtù
magnetica del sole danzano in varj giri in-
torno di lui, come nel suo Paradiso can-
tô il Miltono , quasi profetizzando agli uo-
mini i misterj dell’ attrazione . Da essa so-
no altresi governate le comete, le quali >
benchè vadano quale per un verso e qua-
le per l’altro, benchè girino intorno al
sole per orbite assai più bislunghe che non
fanno i pianeti, ubbidiscono perô puntual-
mente alle medesime leggi ; e quanto già
furono al Cartesio ribelli, altrettanto sono
docili al Neutono , Per 1’ attrazione simil-
mente i pianeti secondarj girano intorno
& loro primarj ; la luna cioè intorno alla
terra , intorno a Giove le sue quattro iu-
ne , e intorno a Saturno quelle altre sue ,
che son cinque k In somma il gran feno~
meno del giro de’pianeti, per cui i filo-4
.sofi fabbricato aveano degli epicicli, dei

O 3 vor-
loading ...