Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 235
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0243
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0243
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N T O .

Q T4 i n t o . a3$

V acqua. Ora se un pezzo cli ambra bene
stroünata si presenti cla qualche distanza
sopra una conca piena cli acqua, l’acqua
si solleva in alto a guisa di monticello o
di cupola, quasi facendo ogni suo sforzo
di unirsi con l’ambra. Un più bel modo ,
disse la Marchesa, non ci potrebbe esser
di questo , per rappresentare cosi in pic-
ciolo la luna, e i suoi effetti sopra del
mare. Egli sembra, che voi adoperiate co-
me gli architetti, che , a mostrare ciô che
ha da riuscire in grande la fabbrica, ne
fanno in prima il modello . L’ acqua dun-
que, che trovasi essere sotto il pezzo cli
ambra, si alza in un colmo ; e secondo
che il pezzo di ambra si andrà muovendo
qua e là , vedrassi pur muovere, e mutar
sito il colmo d’acqua. Nell’istesso modo
per appunto, io seguitai, voi già compren-
dete , Madama , come, seconclo che la Iu-
na cammina in cielo, dovrà tenerle dietro
quaggiù il colmo d’ acqua, ch’ ella innalza
nel mare sotto di sè. Io comprendo, dis-
se la Marchesa , che il inare , che ricinge
tutto intorno la terra , si ainmonticchierà
sotto la luna ; e piglierà, se non erro,

come
loading ...