Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 248
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0256
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0256
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D I a l o g o

niezzi infiammabili, e che hanno più del
sulfureo , è la causa della conformità, ch’
essi hanno maggiore con la luce medesi-
ma , e di quella loro più forte azione so-*
pra di lei. Ma dovunque risegga principal-
mente la virtù del refrangere, quello che
parrà incredibile ad ognuno, e che potea
mostrare la sola esperienza accompagnata
dal più hno ragionamento, si è, che il
medesimo mezzo , per esempio il vetro ,
sia dotato di forza attrattiva, e di repub
siva . E siccome per l’una refrange i rag-
gi della luce dentro a sè ricevendogli ; co-
si gli riflette per i’ altra, quasi da sè ri-
gettandoli.

Che cosa è, disse la Marchesa, cotesta
nuova forza, che voi chiamate repulsiva ?
non mi pare, che ancora ne faceste paro-
la. Questa forza, io risposi , ci è anch
essa mostrata da quella madre prima di
ogni nostro sapere ; da quella , che fu chia-
mata fonte a rivi di nostr’ arti ; in una pa-
rola dalla esperienza : e non di rado la veg-
giamo esser compagna dell’ attrazione. Due
pezzi di calamita , secondo che si presen-
tano l’uno all’ aitro , ora si attraggono , ed

ora
loading ...