Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 27
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0283
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0283
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
S E s T o . 27

nel libro delle affezioni del lume , al qua-
le chiunque vorrà giudicar senza passione
approprierà i memorabili versi di quel no-
stro poeta :

Hanno gli altri voiunii assai parole :

Questo è pien tutto di fatti , e di cose ;

Che d’ altro che di veilto einpier ci vuole .
E prima di ogni cosa l’autore vi mostra
gl’ inganni, che sono giuocati in quelle tan-
to studiate sperienze , per cui ci vorreb-
bono far Credere, che i raggi sono disfe-
rentemente refrangibili , che i colori sono
immutabili, e ingeniti alia luce ; e proce-
de dipoi a darne il vero sistema dell’ otti»
ca. E quivi egli non fonda i suoi ragio-
namenti sopra vani supposti , ma per via
di sperienze facilissime e incontrastabili egli
determina puntualmente, e descrive, in
che modo , mischiandosi il lume coll/ om-
bra, ne riescono più maniere di risultati;
e secondo che la natura pittrice variamen-
te contempera i velamenti del chiaro, e
dell’ oscuro essa medesima , le cose sorti-
scono vario colore. Ben sapete , sig. Sim-
plicio , disse qui la Marchesa, che tal vo-
stra dottrina non mi puô riuscir nuova.»

S 2 Ng
loading ...