Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 287
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0295
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0295
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
S E S T O . 287

presi : eïïa il disse, sig. Simpïïcio ; e quan-
do bene a voi desse il cuore di appeïïare
daïïa sua autorità, già non potreste oppor-
re aïïe sue ragioni . Per esse un canone
cosi intralciato , come era questo , col qua-
le pur volevasi da voi toccare il polso a’
neutoniani , diviene una conseguenza pia-
nissima , una riprova del loro sistema : e
converrà dire del vostro autore, il più gran
rivale, che mai sorgesse contro al Neuto-
110 , quel che dice Catone neïïa tragedia
inglese : che sino Pistesso Pompeo combat-
tè per Cesare . lo dirô, egïï rispose, co’
nostri itaÏÏani,

Che più iempo bisogna a tanta lite ;
e che , se questo sistema pur patisce una
qualche difsicoità, tutti i sistemi, come
si suol dire ; sono tagliati a una misura :
nè già il neutoniano non andô esente , e
non va dal patirne di molte e di gravi.
Con questo però , quì entrô a dir la Mar-
chesa , che ne usci sempre , come gli eroi,
d’ in mezzo alle calunnie . Madama, io ri-
presi a dire , pigliate guardia , che di tut-
te le difficoltà non potrebbe forse cosi age-
volmente uscirne . E che potreste voi ri-

spon-
loading ...