Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 327
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0335
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0335
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
S E S T O *

e avendo clipoi il Cassini misurato i gradi
della Francia da Parigi yerso mezzodi ; con-
frontati gli uni cogli altri, i gradi meri-
dionali furono ritrovati alquanto più lun-
ghi de’ settentrionali . E cqui la Marchesa
mostrando di forte maravigliarsi ; non du-
bitate, Madama , disse il signor Simplicio ,
che ben sapranno troyarci la yia di asse-
stare ogni cosa a’ loro computi, e alle lo-
ro teorie . In niente , io risposi, non da-
ranno la tortura ai computi; coine non
negheranno in niente i fatti, bene avve-
rati che sieno . Ma ben saprebbono mo-
strarvi, se bisognasse, che non è da ri-
gettare un ben fondato sistema, perchè al-
cuni efsetti non rispondessero in tutto al-
le teorie, ovvero paressero contracldirle .
Non è egli tenuto comunemente per ve-
ro , la causa del calore, che feconda e av-
viva la terra , essere il sole ? E con ragio-
ne , son sicuro, direte voi ; mentre una
tal teoria è fonclata su quelle sperienze im-
mutabili e perpetue , che fannosi non da-
gli uomini, ma nel gi’an laboratorio della
natura . Ciô posto , quei paesi, che sono
sulla terra situati in modo , che ricevano
X 4 egual-
loading ...