Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 341
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0349
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0349
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
S E s T O . 84i

Stra attrazione. E cotesta scienza , io sog»
giunsi, sarà fondata, son certo , sopra di
ben salde ragioni. E chi non sa , egli ri-
spose , la tanto famosa sperienza del no-
stro Torricelli? L’argento vivo resta sospe-
so nel barometro a ventisette once d’al-
tezza per la gravità dell’aria, che gli con-
trasta discender più basso . Recato il ba-
rometro in cima di una montagna , si ve-
de alquanto discendere esso argento vivo ,
perchè minore è ivi l’altezza della sovrap-
posta atrnosfera. Ma a che tutto questo
proemio ? Per dire, io risposi, che quan-
tunque si convincano di false le ipotesi del
Cartesio, del Gassendo, e quante altre im-
maginate ne furono ad ispiegare la gravi-
tà, resterà sempre vero che l’aria pesaj
e voi non rimarrete dal credere l’esfetto,
e di cavarne di molte utilità, comunque
si fantastichi sulla causa . E perchè ? per-
chè la sperienza del Torricelli, con quan-
te altre vanno insieme , mostreranno sem-
pre il medesimo a qiialunque tempo, in
qualunque clima , in qualunque region del-
la terra . E perchè adunque non vorreste
voi credere a quanto vi dice il Neutono ?

Y perchè
loading ...