Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 352
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0360
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0360
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
352 C A R I T E A,

che 1’ uomo nasca cieco nel modo che ab»
biam detto , o nel divenga poi ; un solo è
il rimedio al malor suo , e questo sta nel
deprimere o confinare in basso, ed anche
nello estrarre l’umor cristallino , che se
ne sta sospeso dinanzi alla pupilla. Non
potendo la medicina restituire a quell’umo-
re la sua trasparenza, ecco la chirurgia
che îo leya di mezzo , e toglie a’ raggi,
ch’ entrano per la pupilla , ciuell’ intoppo ,
che per giugnere sino alla retina incontra-
vano a mezza via: e cosi dentro alhocchio
del cieco si versa, al dire di un poeta ,
il dolce liquor della luce. Dagli altri due
umoii che rimangono nella cavità dell’oc-
chio , 1’ uno de’ quali dicesi acqueo , e vi-
treo l’altro, amendue meno densi del cri-
stallino e più densi dell’ aria, vengono i
raggi ad essere alquanto refratti ; cosicchè,
anclando quasi a concorrere insieme , pos-
sono dipinger sulla retina una tal quale
immagine degli oggetti. E a rendere ta-
le immagine clistinta , si piglia in ajuto una
lente cli occhiale , la quale al di fuori delF
occhio fa quelle veci, che faceva clentro
di esso la lente , o sia l’umor cristailino .

Ora
loading ...