Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 359
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0367
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0367
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D i A l o ù o, 35g

pitello della colonna, o del cielo . E non
fa caso quali sieno tali siti, se , quando
un oggetto è in basso, vi corrisponda per
la sua immagine l’alto della retina, ovve-
rainente un altro sito ; come non sa caso,
che tra il frizzante del lume e il liscio
del marmo vi sia somiglianza alcuna . Ba-
sta che vadano sempre dicompagnia. Nien-
te adunque importa, ella disse in atto di
maraviglia, che il luogo dove si trova l’og-
getto , e il luogo dove se ne dipinge la
immagine , sieno dalla stessa banda? anzi
nulla importa , che si trovino tra loro in
©pposizione, perchè da noi si giudichi ret-
tamente della situazione delle cose ? Quel-
lo che importa il tutto., io risposi, è, che
sieno sempre in opposizione : voglio dire,
che agli oggetti posti in basso risponda sem-
pre l’alto della retina, ed il basso agli og-
getti che sono posti in alto ; che la imma-
gine si dipinga sempre neU’occhio allo stes*
so modo , come di fatto avviene . Per tal
guisa non ci sono mai contrarietà nella
connessione delle nostre idee : essa con-
nessione ci è sempre più ribadita in men-
îe da una ferma e perpetua abitudine : e

z 4
loading ...