Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 6
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0014
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0014
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
6

lanto pià ha da temere la dottrina di Tri-
truvio , quanto che feconda d' immagini ha
Ja fantasia , ha un certo suo modo di ra-
gionare robusto insieme e accomodato alla
moltitudine , sa maneggiare con gran de-
strezza le armi socratiche . Assai volte mi
è awenuto di udirlo disputare sopra tale
materia con non picciolo mio piacere e pro-
fitto : e tal volta ancora ho fatto , quanto
era in tne , di sciogliere i suoi duhbj , per
tenere in piedi un arte, a cui niente farà
dinanzi a pensatori V approvazione e V au-
torità di tanti secoli, se fancheggiata non
si trov.a e difesa dalla ragione , Ora , per
render conto a me medesimo di una cosl
importante qui-stione, Jio hrevemente diste-
so Ja somma degli argomenti, cJie soglion-
si da Jui proporre, e quasi Janciare contro
alJ' arcJiitettura ; e insieme Je soJuzioni, che
vi ho credute Je piu convenienti. OeJ va-
lore cosz degJi uni come deïie aJtre ne sia
il giudizio in Jei , signor Conte , che non
meno possiede Varchitettura per teorica, cJie
per pratica : e in ogni evento faccia eJla
di difenderJa , e Ja tenga in piedi con pih
salde e vittoriose ragioni, Questa arte no-
V bilis-
loading ...