Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 14
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0022
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0022
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
l4 S A G G I O

che non sia anche vejamente infunziones
e con proprio vocabolo si ba da chiamare
abuso tutto quello , che tanto o quanto si
allontana da un tale principio, che è il
fondamento vero, la pietra angolare, su
cui lia da posar Γ arte architettonica.

Di soverchio rigore potrà parere ai piu
una tale sentenza . Diranno per awentura,
volersi andar dietro a troppe sottigliezze ;
volersi, che più sofìstica nel fabbricare sia
F arte delF uomo , che non è nelle sue ope-
razioni la natura medesima : laquale, ben-
chè nulla operi in vano , e faccia ogni co-
sa con misura e con perchè; ciò non ostan-
te , avendo negli animali fornito di mam-
melle anche il maschio, avendo ombrato
di pennacchj le teste di parecchj volatili,
e fatto simili altre cose, che non hanno
uso veruno, pare, che compiaciuta siasi
di ciò , che è puro ornamento , ed abbia
nelle sue produzioni condesceso talvolta
anch’ essa ad una non meccanica bellezza,
Ma per quanto austero ne’ suoi principj pa-
rer ne possa il Filosofo; è pur forza con-
fessare, che insino a qui egli non si di-
lunga gran fatto dalla sana dottrina de’mi-

gliori
loading ...