Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 18
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0026
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0026
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ì8 S A G G I O

al contrario per appunto di quanto si pra-
tica e s’ insegna , tale esser dovrebbe Γ ar-
chitettura, quale si conviene alle qualità
caratteristiche, alla pieghevolezza o rigidi-
tà delle parti componenti, a’ gradi di for-
za resistente , alla propria essenza in una
parola o natura della materia, che vien
posta in opera: cosicchè, diversa essendo
formalmente la natura clel legno dalla na-
tura della pietra, diverse eziandio hanno
da esser le forme, che nella costruzione
della fabbrica tu darai al legno, e diverse
quelle che alla pietra . Niente vi ha di
più assurdo, egìi aggiugne, quanto il far
sì, che una materia non signiHchi sè stes-
sa , ma ne debba signifìcare un’ altra. Go-
testo è un porre la maschera, anzi uu con-
tinuo mentire che tu fai . Dal che gli scre-
poli nelle fabbriche le crepature le rovi-
ne ; quasi una manifesta punizione del tor-
to , che vien fatto del continuo alla veri-
tà . I quali disordini già non si vedrebbo-
no , se da quanto richiede la propria es-
senza, e la indole della materia, se ne
ricavassero le forme la costruzione 1 orna-
ìo , Si giugnerà solamente in tal tnodo a

fab-
loading ...