Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 21
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0029
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0029
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Sopra l’Architettura. âi

e il progresso della maniera del fabbrica^
re ? che dagli Egizj presero i Greci, e la
trasmisero molto più rafhnata a noi : e se-

JL '

guita troyasi da’ Cinesi dagli Arabi dagli
Americani, da tutte in somma le nazioni
del mondo .

Ora questo vuolsi esaminare, se fosse
ben fatto o no ; e se , piuttosto che rite-
nere negli edihzj le forme del legno, gli
architetti dovessero dipoi lasciarle del tut-
to da banda, e sostituirvi quelle partico-
lari forme , che proprie sossero alla natu-
ra delle altre materie , che si vennero di
mano in inano a mettere in opera *

Due cose principalmente chiamano a sè
Γ attenzione in qualsivoglia edifizio : la so-
lidità intrinseca , e la bellezza che apparù
sce al di fuori. Quanto alla solidità, non
può cader dubbio, che a pigliare unica-
mente non si abbia in considerazione la
qualità della materia, onde construir si yuo-*
le la fabbrica . "V arie sono le forze , di che
Vanno fornite le varie sorte della pietra o
del ìegno ; e maggiore o minore è lo sfor-
zo che hanno esse da fare, secondo il pi&
9 il meno del carico che hanno da ree·*

B 3

gere,
loading ...