Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 23
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0031
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0031
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Sopra i/ Architettura . nS1

bricare diligentemente attenclere , variando
secondo le occorrenze proporzioni e misu--
re, dando a’ varj pezzi clella pietra o ciel
legno quelle dimensioni, quelle particolari
forme , che a fare i’ usfìzio loro più si con*
vengono, onde non si prodigalizzi la ma
teria con cianno di chi spende, o sover-
chiamente non si risparmj con pericolo ; e
Γ uno e Γ altro con vergogna clell’ architet-
to . E ben pare , che da’ buoni maestri ciò
sia stato non solamente avvertito , ma po-
sto anche in pratica. Quante fabbriche in
effetto, innalzate in Italia in Grecia e in
Egitto in tempi da’ nostri remotissimi, non
si rimangono ancora in piedi ? facendo pur
fede, che le rovine nelle fabbriche di og-
gigiorno non sono altrimenti originate da
uno interno vizio , che risiegga ne’ princi-
pj dell’ arte, ma soltanto dalla imperizia
degli artehci. JMè è da farsene maraviglia ;
da che molti sono gli operaj, giusta il det-
to di quel savio , e pochi gli architetti.

Ma, per quanto si spatta alla bellezza ,
che apparisce al di fuori, e all’ oraato ,
per qual ragione non si ha egli da variare
secondo le disferenti materie che si pon-

B 4 gono
loading ...