Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 24
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0032
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0032
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
2,4 S A G G I O

gono in opera, ma si ha da ricayare da
una materia sola ? e per qual ragione tal
materia ha ella da essere il legno ? Gli uo-
mini ? è vero , incominciarono a fabbrica-
re col legno , perchè più facile era il met-
tere in opera una tal materia che qualun-
que altra, perchè l’aveano più alle mani.
Ma finalmente in qual parte di mondo tro-
vansi le case fabbricate di mano della na-
tura, che gli architetti debbano pigliare
come archetipo, come esempio da imita-
re ; in quella guisa che trovansi da per
tutto gli uomini e le passioni, gli uni usci-
ti di mano della natura , le altre da essa
natura infuse neli’ uomo, che possono a
tutta sicurtà essere studiate e imitate da-
gli statuarj da’pittori da’poeti da’musici ?
Dove sono in una parola tali case dalla na-
tura medesima ordinate , le quali di qua-
lunque materia sieno costruite, dimostrino
sempre 1’opera come se fosse di legname,
e servir possano di regola infallibile e di
scorta agli architetti ?

Egli è certo che Γ architettura è di un
altro ordine, che non è la poesia la pit-
tura e la musica ; le quali hanno dinanzi

il
loading ...