Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 25
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0033
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0033
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
.SoPRA L ÂrCHITETTURA . s5

il bello esemplificato, ed essa non Γ ha .
Quelle non hanno in certa maniera che ad
aprir gli occhi , contemplare gli oggetti che
sono loro dattorno, e sopra ciuelli forma-
re un sistema cT imitazione : Γ architettura
al contrario dee levarsi in alto coll’ intel-
letto , e derivare un sistema d’ imitazione
dalle idee deile cose più universali, e più
lontane dalla vista cleli’ uomo : e quasi che
con giusta ragione dir si potrebbe , che tra
le arti ella tiene quel luogo, che tienè
tra le scienze la metafisica. Ma quantun-
que ii moclo, con che elia procede , sia
diverso clal modo, con che procedono le
altre ; la perfezione sua sta in quello, in
che sta la perfezione delle altre tutte : e
ciò è, che nelle sue prociuzioni ci sia va~
rietà ed unìtà ,· cos'i che Γ animo di chi
vede nè sia riconclotto sempre alle mede·
sime cose , oncle si genera sazietà, nè di-
stratto in diverse, oncle confusione ; ma
risenta quel diletto , che clallo scorgere ne-
gli oggetti che gli si presentano novità ed
ordine ha necessariamente da nascere : per-
fezione, che ravvisano i hlosofi nelle ope-
re clella natura , madre primiera e sovrana

mae-
loading ...