Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 26
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0034
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0034
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
2Ô S A G G I O

maestra d’ ogni maniera d’ arti. Ora vedia-
mo, per qual yia possa giugnere 1’archi-
tettura airottimo stato ; possa consegtiire
il fìn suo .

A1 tempo che gli uomini avvisarono di
ridurre 1’ architettura in arte , non è egli
naturale a pensare , che tra tutte le ma-
terie , con che edifìcar poteasi, pigliar do-
vessero le fonne da una materia sola ; on-
de potere stabilire certe e determinate re-
gole nell’ ornare gii edifizj , nel rendere an-
che graziose alla vista quelle cose , che tro-
vate aveano per uso e comodo loro? E a
tutte le materie non è egli ancora natura-
le a pensare , che dovessero preferir quel-
la, che potea somministrar loro un mag-
gior numero di modanature di modifìcazio-
ni e di ornati, che qualunque altra? Per
tal via solamente arrivar poterono anche
nell’ architettura ad ottener quello , che è
necessario , come detto si è, alla perfezio-
ne di tutte le arti : varietà, ed unità : va-
rietà per la moltiplicità di modificazioni,
di che fosse capace la prescelta materia ;
ed unità , perchè provenienti dalla indole
di una materia sola . E quando dalle astra-

zioni
loading ...