Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 27
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0035
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0035
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SOPRA l’ArcHÎTETTU'KA , 2^

zioni vennero poi come a concretare, e
a dar corpo alle idee , s’ accorsero e vide-
ro in fatti, che questa tale materia è quel-
la stessa, con cui si edificarono le abita-
zioni primiere le più rozze capanne, cioè
il legno .

La pietra e il marmo materia tanto più
durevole e preziosa , che bisogna ire a cer-
carla sotterra , e di cui non a tulti i pae-
si ha fatto dono la natura, è ben lungi
dal sornire , in virtù della natura sua pro-
pria, le tante varie,ta di ornamenti e di
forme , che richiede Γ architettura .

Se la pietra fosso posta in rappresenta-
zione , egualmente che in funzione , le aper-
ture nelle sabbriche non potrebbono riu-
scire altro che strettissime : e ciò per la
propria natura della pietra, che, non es-
sendo tessuta cli fibre come è il legno,
non può reggere al sovrapposto carico , se
sia conformata in uno architrave o soprac-
ciglio di qualche notabile lunghezza ; ma
tosto si rompe , e se ne va in pezzi. Le
porte e le finestre sarebbero adunque di
una strettezza sgarbata a vedersi, e inco·
mode all’ uso ; chi non avesse da sovrap-

porre
loading ...