Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 48
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0056
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0056
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4-8 S A G G 1 O

e non le pieghe dei vestimenti delle nia-
trone (1), poterono suggerire , e quasi mo-
strar loro le canalature clelle colonne (2).
Ed egli ha molto clel probabile che quell’
antico maestro, il quale ornò di foglie i
fusti di alcune colonne nel tempio che è
sotto Trevi (3) , sosse a ciò condotto clal
vedere quelle piante parassite , che riyesto-
no tutto intorno i tronchi degli alberi , a
cui piedi gennogliano .

Dagli alberi similmente , o sia dalle lo-
ro appartenenze , tolsero gli arclritetti i fo-
gliami le rose i caulicoli i festoni ed altre
tali cose , con che ornarono le varie parti
degli edifizj ridotti coli’ andar del tempo a
quella sontuosità ecl eleganza, che ammi-
rasi tuttavia nelle opere deii’ antichità .

Ora,

(1) Vitruv. lib. IV. cap. 1.

(2) Mi b grandemente piaciuto di essenni
quasi riscontrato sopra Γ origine delle eanalatu-
re delle colonne con M. -Frezier , il quale ha
rischiarato con gran lume di filosofia le cose
dell’ architettura. Vedi quello che a tal propo-
sito egli dice nella sua dissertazione sopra gli
ordini dell’ architettura .

(3) Vedi il Palladio lib. IV. cap. a5.
loading ...