Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 51
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0059
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0059
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SoPHA L3 ArCHITETTIJRA . 51

rovesciare sino da’ fondamenti un’ arte no-
bilissima , e delle altre , secondo ehe suo-
na il suo nóme, capomaestra e regina.

Moito obbligo ancora avere gli dovranno
gli artehci, se egli andrà mostrando quei
particolari abusi, che vi potessero esser»
entrati, e quelli massimamente, che nel
porre, a ritroso della meccanica ragione ,
le materie in opera hanno radice : di mo-
do che > se vedere non si vogliono le piu
certe rovine , conviene aver ricorso a ca-
tene a inarpesature a rappezzamenti ; e le
fabbriche > come dice quel maestro, stan-
nosi dipoi attaccate con le stringhe (1).
Mercè le conferenze da esso lui frequen-
temente tenute, mercè i suoi ragionamen-
ti, e gli apologhi sopra tutto, con che
gli sa rivestire e rendere popolari ; è da
sperare, che Γ architettura si vei’rà purgan-
do di parecchj errori, che vi ha intx’odot-

i

ti

(X) Yédi Lettëra del Vignola néi Dispareri
in materia di architettura e prospettivu di
Martino Bafsi milanese ; e Malvasia p. 2. del-
la Felsma Pittrice , vita di Pellegrino Tibyi-
di ; ed altri ;

0 2
loading ...