Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 57
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0065
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0065
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
drâ uri artc bellissima, chc tanto fiorï per
lo addietro sotto il cielo di Parma di Ve-
nezia di Romcc.

Perchè la pittura nel medesimo tempo
avesse a rimettere tra noi dei germogli, si-
rnili a quelli di uti tempo fia , ho procura-
to ancri io cli contribuire, quanto era ùz
me, con lo stendere un Saggio , in cui Γar*
te fiosse ricondotta a principj suoi ; in cui
si discorressero quegli studj, che , per salP
re alla cima di essa , sono necessarj da
farsi, ed erano pur fiatti dagli antichi mae-
stri ; Quàl profitto sieno per trarne nel pre-
sente stato di cose i nostri uamini, non so :
queSto so hene ·, che a me non dovrà punn
to dispiacere , quando , non valendo a ri-
svegliare la virtù de miei compatrioti, po-
tessi più che mai accendere quella degli este-.
ri, e fossi anche per fornire di nuove ar-
mi a coloro , che a jioi contendono la pal-
ma ; che alle gare nazionali egli ha pur
sempre da prevalere in qualunque sia cosa
lo zelo della universale utilità * E se noi
pur dovessimo da ora innanzi esser supera*
loading ...