Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 61
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0069
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0069
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SoPîlA LA ΡίΤΤϋΛΑ . 6|

fatica del continuo e si travaglia (i), Pare
adunque, che uno de’ principalissimi ob-
bietti delle pubbliche cure esser dovesse
1 a elezione dello stato della maggior parte
de’ fanciulli : e forse non male condurreb-
be a un fìne di tanta importanza, se nel-
le pubbliche scuole sossero posti dal prin-
cipe uomini di scaltrito ingegno, quasi al-
ìrettanti esploratori delle varie inclinazio-
ni di quelli . Col mettere loro innanzi ad
ora ad ora strumenti di matematica di
guerra di musica , e più altre maniere di
cose, col fare varie pi'ove e riprove , do-
Vriano stuzzicargli, e costrignergli a mani-
festare il proprio genio ; imitando Γ astutp
Ulisse, quando alle fanciulle di Scim si
avvisò di far mostra di cari gioielli, e di
belle armature ; e potè in tal guisa disco,-
prire Achille, che in abito femminile tro-
yavasi in mezzo ad esse nascosto (2).

Tolto

(i) Ώilìgentìssimeque hoc est eis , qui in~
stituunt aliquos atque erudiunt, videndum ,
<quo sua quemque natura jnaxime ferre vi-
deatur . Cic. lib. III. de Oi-at.

|(2) In BerlinQ, dove un sapiente è in sedia,

reale
loading ...