Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 62
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0070
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0070
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
6a S A G G ί o

Tolto il primo impedimento, si verreb·”
be a togliere il secondo coll’ indirizzar la
educazione in modo, che, come nelle ma-
J.attie fa la medicina , ella altro non fosse
che un secondar di continuo le indicazio-
ni della natura . A questo iine ordinarsi
vorrebbe ogni cosa . E di vero , egli è trop-
po fuori di ragione tenere per più anni
gli stessi modi con chi si disegna per la
chiesa, con chi per Γ armi, con chi per
ie arti liberali ; e , come tra noi si costu-
ma, quello indistintamente insegnare ai
fanciulii, di che la maggior parte cli essi
hannosi poi da scordare uomini fatti. Ap-
presso i Romani quale de' loro iigliuoli,
dice Tacito , a milizia a legge o a eloquem
za inchinava, a quella tutto si dava, quel-
la tutta ingojavasi (1) . Che se arte ci è

alcuna,

reale , si trova esser messo in pratica un tal
pensamento .

(3) Et sive ad rem militarem , sive ad ja-
ris scientiam , sive ad eloquenticc studiurn
inclineisset , id universum hauriret.

In Dial. de orator. sive de caussis oorru-
ptæ eloquentiæ .
loading ...