Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 63
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0071
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0071
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SOPKA LA PlTTURA. 63

aîcuna , la quale oltre al natural genio ri-
chiegga, senza altro svagamento , un par-
ticolare e pertinacissimo studio , la pistura
è pur dessa : quell’arte cioè , in cui la ina-
no dee francamente eseguire quanto di pi&
bello e peregrino può apprendere la fan-
tasia ; che si propone di giugnere a dar
rilievo alle cose piane, luce alle scure,
lontananza alle vicine , vita ed anima ad
una tela : onde, mercè i dotti suoi ingan-
ni, ella faccia dire allo spettatore :

non vide me di me chi 'vide il 'vero *

DELLA EDUCAZIOJSE PRIMA
DEL PITTORE.

Conosciuto a varie prove un ingegno fat-
to da natura per riuscire nell’ arte del di-
pingere, mal farebbe chi lo mettesse nel-
la solita strada degli studj , e col branco
degli altri fanciulli lo mandasse alla scuo*
îa per apprendere il latino . In cambio dell’
Emanuelle , si dovrà farlo ammaestrare nei
rudimenti della lingua italiana : e in cam-
fcio delle Epistole di Cicerone gli si dovrà

far
loading ...