Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 72
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0080
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0080
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
"η·& $ Α G G I ο

estensori , la partô divieu rigida e ίχηιήσ·^
bile ; é tonica yien detta una cosi fatta
azione dei muscoli.

Di tutto questo avea in animo Michela-
gnolo di dare al pubblico un compito trat-
tato : ed è non piccola sventura ? cbe re-
cato ei non abbia ad efsetto tal suo dise-
gno . Parendogli, come nella vita di lui
racconta il Condivi, che Alberto Durero
fosse debole in questa materia > non trat-
tando se non delle misure e varietà dei
corpi, e degli atti e gesti umani ( che più
importa ) non dicendo parola ; egli inten-
deva di dare intorno a ciô una ingegnosa
teorica per lungo uso da lui ritrovata, in
servigio di quelli , che vogliono dare ope-
ra alla scoltura e alla pittura . E certo niu-
no poteva nella notomia fornir migliori pre-
cetti di colui, che a concorrenza clel Yin-
ci fece quel famoso cartone d' ignudi 5 che
fu lo studio dello stesso Rafsaello , e con-
dusse dipoi il Giudizio nel Vaticano, che
è tuttavia la più profonda scuola della scien-
za del disegno.

In difetto degli scritti di Michelagnolo ?
potranno allo studioso pittore giovare altri

li-
loading ...