Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 73
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0081
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0081
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
iSoPHA LA PiTT'CTÎlA ,' ^3

libri, cbe hanno in tale materia composto
il Moro il Cesio il Tortebat, e novella-
mente ii Bouchardon , uno de’più rinorna-
ti scultori di Francia : ma sopra tutto gli
sarà. di giovamento la scorta di un bravo
incisore anatomico , sotto di cui potrà in
pochi mesi venire a capo di quanto vi ha
nella notomia , che si appartenga propria-
mente all’arte sua . Non richiede dal pit-
tore un gran tratto di tempo lo studio del-
la osteologia ; e della infinità de’ muscoli
registrati da’ Miologi un ottanta o novanta
gli sono d’avanzo , co’quali opera sensibil-
mente la natura tutti quei movimenti, che
egli avrà mai da imitare e da esprimere ,
Sopra questi bensì egli dee fare un parti-
colare e fondatissimo studio ; di questi dee
far conserva nella mente , e dee saperne
con tutta franchezza la propria figura la si-
tuazione l’uffìzio ed il gioco .

Oltre alle incisioni de’cadaveri, potrà
egli in tale studio essere non poco ajutato
dalle notomie, che si hanno in gesso . Se
ne veggono di parecchj autori, ed anche
alcune, che corrono sotto il nome del Buo^
narroti : ma una ne è fra tutte , dove le

parti
loading ...