Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 83
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0091
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0091
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SoPRA LA PlTTURA . SS

ya guanio leggiamo scritto cla lui (1)? Noit
si dovrà egli sommamente conipiagnere là
perdita di quelle antiche opere -, che esser
potrebbono anch’ esse a’ moderni cli ammi-
razione e di esempio ?

Ma non andando dietro alle cose per-
dute , e a cruello attenendoci che si è con-
seryato sino a’ di nostri ; col guardare le
antiche statue potrà il giovane vantaggiar-
si cli molto, come si è detto, nello studio
della notomia : e avanzatosi in esso di ma-
jsio iir mano , non pochi sono gli esercizj
che gli converrà fare per via meglio im-
possessarsene . A cagione cli esempio : date
in disegno le cosce di una figura, come
del Laocoonte , appiccarvi le gambe , con-
forme a ciò che domanda lo stato de’mu-
scoli delle cosce , i quali pur sono i Jsles-
sori e gli estensori delle gambe, e tal po-
situra precisamente, e non altra cagionano
in quelle ; dato un semplice dintorno deL

la

(1) G-emmas , toreumata , signa , tabulas
operis antiqui semper animosissime comjja*
rasse .

Sveton. in C. lul. Cæsare cap. 47.

F a
loading ...