Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 87
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0095
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0095
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SOPRA LA PlTTURA.

Mostrano parimenti di poco o liulla co-
noscere la natura deil’ arte del dipingere
coloro , i quali si danno ad intendere, che
agli antichi maestri della Grecia fosse una
scienza del tutto ignota la prospettiva : e
ciò in sul fondamento, che nella maggior
parte degli antichi dipinti ne sono violate
le regole ; quasi che , colpa i vizj dei me-
diocri artehci, si dovessero porre in dub-
bio e negare le virtù degli eccellenti. La
verità si è , che gii antichi praticavano I
arte di dipingere su per li muri prospetti-
ve , come anche oggigiorno si costuma(i):
e nel teatro cli Claudio Pulcro una ne fu

con-

(l) Ex eo antiqui, qui initia expolitioni-
bus instituerunt, imitati sunt primum crusta-
rum marmorearum varietates et coliocationes,
dei?ide coronarum, et silaceorum , miniaceo-
rumque cuneorimx i?iter se varias distributio-
nes : postea ingressi sunt, ut etiam crdificio-
rum figuras , columnarumque, et fastigiorum
eminentes proiecturas imitarentur : patecitibus
autem loczs, uti exedris, propter amplitzzdi-
7icm pariekum, scenarum frontes tragico mo-
re , aut comico , seu satyrico designarent.

Vitruv. lib. VII. cap. 5.

F 4
loading ...