Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 95
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0103
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0103
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SoPRA LA PlTTURA . g5

le leggi clella prospettiva alla cui osser-
vazioue si vuole attribuire il grancle esfet-
to, clie fanno alcune pitture ciel Carpa-
zio , e clel Mantegna ; bencliè prive per
altro di certo artifizio : lacldove un sempli-
ce errore in tal parte guasta talvolta le
opere intere di Guido ; non ostante la va-
ghezza, e la nobiltà di quel sovrano suo
stile.

Ora, clappoichè la dixnostrazione clelle
regole di tale scienza è ricavata dalla dot-
trina clelle proporzioni, dalxa proprietà de’
triangoli simili , e delle intei-secazioni de'
piani ; non saria mal fatto che il giovane,
a sapere fondatamente dette regole, e non
per cieca pratica, studiasse un ristretto di
Euclide , del quale studio , come unicamen-
te inteso all’arte sua, egli potrà speclii'se-
ne dentro allo spazio di pochi mesi. Che
siccome a un pittore sarebbe inutile lo svi-
scerare tutta la notomia del Monrò , o deli'
Albino ; lo stesso sarebbe s’ egli volesse in-
golfarsi nella più alta geometria insieme
col Tayloro, da cui trattata è la scienza
della prospettiva con quella sugosa profon-
dità, che sextza comparazione alcuna è di

mag-
loading ...