Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 110
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0118
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0118
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ί 10

S Α G G Γ Ô
nienti loro contro a’principj meccanici del-
la notomia, nè mai opera contro alle leg-
gi geômetriche della prospettiva nel rappre-
sentarceli airocchio . Onde assai chiaro si
vede, corae in materia di clisegno non. ci
è colpa che grave non sia ; e si compren-
de il gran sentimento che è in quelle pa-
role dette da Michelagnolo al Vasari, do-
po visto un quadro del principe della scuo-
la veneziana : gran peccaca , cliss' egli ,· che
costui non ahbia imparato da principio a
ben disegnare (1) ! La energia della natura
si spiega nei minimi ; e ne'minimi sta l’eC'
cellenza dell’arte.

DEL

(i) Vasari nella vîta di Tiziano.

Onde dir solea il Tintoretto , che Tizîana
talor fece alcjme case , che far non si pote-
■vafio piu intese o miglidri; m.a che altre an-
cora si potevano meglio disegnare.

Ridolfi nella vita di Tiziano'.
loading ...