Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 119
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0127
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0127
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SOPRA LA PlTTURA . L 1 q

damento del colore su' migliori maestri ,
conviene clre al naturale ed ai vero rivol-
ga ogni suo studio e pensie.ro . E forse sa-
rebbe il pregio delP opera, che siccome
nelle accademie vi ha un modello per il
disegno , un altro ve ne fosse ancora per
il coiorito * In quella guisa che ricercasi
nell’ uno che ben pronunziati siano i mu-
scoli, e giusta torni la proporzione delle
membrature ; vorrebbesi nell’altro j che bel-
la ne fosse la carnagione , saporita, calda >
e ben distinte apparissero le varie tinte lo-
eali, che nelle differenti parti dnlla per-
sona si osservano di un bel naturale . Chi
non si vorrà persuadere , che di grandissi-
ma utilità esser non dovesse un cosi fatto
inodello ? Finghiamo , che fosse posto a va-
rj lumi, ora di cielo > ora di sole, ora di
lucerna , che talvolia fosse collocato nell'
ombra, e illuminato talvolta di rissesso /
Gli efsetti tutti delle carnagioni, quasi che
in ogni particolare circostanza, si potreb-
bero quiudi apprendere , le lividure , i lu-
cidi, le trasparenze , e quella varietà so-
pta tutto di tinte e di mezze tinte , che
in esse carnagioni si scorge ; dallo avere

FI 4 Γ epi~
loading ...