Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 125
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0133
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0133
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SoPRA LA PlTTURA . 12&

dolci cose a vedere , e dolci inganni.

Niuna cosa può meglio mostrarla cjuan-
to la Camera otiica , in cui la natura cli-
pinge le cose più vicine alP occhio con
pennelli , dirò cosi , acutissimi e fermi ,
le lontane con pennelli più spuntati di
mano in mano , e più solli .

Molto cli essa si vagliono i più celebri
pittori , che ahbiamo oggigiorno , cli vedu-
te ; nè altrimenti avriano potuto rappresen-
tar le cose cosi al vivo. E da credere se ne
valessero parecchj Jfiguristi oltramontani ,
che in tutte le sue minutezze hanno cosi
bene espresso il naturale ; e sappiamo , es-
sersene molto giovato lo Spagnolo di Bo-
logna , del quale ci sono quadri di un gran-
dissimo efsetto e maraviglioso. Mi avven-
ne un tratto di trovarmi in luogo , dove
a un bravo pittore fti mostrato per la pri-
nxa volta un tale ordigno . Da indicibile
diletto egli era preso , non potea distaccar-
si da quella vista , nè saziarsene ; inille co-
se andava provando e riprovanclo , col met-
tere in faccia al vetro ora quei modello
ed ora questo : e apertamente consessava ,
niênte potersi stare a fronte dei quadri di

cosi
loading ...