Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 129
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0137
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0137
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SoPRA LA ΪΥγΤΓ/Ρ.Λ . ϊ :?.//

der dee imo andamento di pieghe più o
meno rotto , piazzato , o minuto . Che di-
remo altro ? Le pieghe dehbono essere na-
turali e facili ; hanno da mostrare il nudo
che è sotto , e di che sort-a di panno sie-
no ; hanno da spiegare eome altri disse ,
e spiegarsi.

Alcuni de’ nostri vecchj maestri aveano
per costume di disegnare prima il nudo ,
e poi rivestirlo ; come similmente prima di
muscoleggiare una Jhgura ne disegnavan lo
scheletro : e in virtù di tal metodo veni-
vano a trovar le pieghe con più verità ;
indicavano le principali attaccature e pie-
gature delle membra, mostrando a mara-
viglia 1’attitudine della persona che sog-
giaceva . Gli antichi seultori , oltre al ri-
vestire le loro statue con intelligenza gran-
dissima , lo fecero ancora con moltissima
grazia . Ciò può vedersi in molte di esse,
e massime nella Fiora novellamente disot-
terrata in Roma, la quale ha un cos'r ben.
inteso panneggiamento, di una cosi gran-
diosa e ricca maniera, che nel genere suo
è da mettersi del pari con qualunque più
bella delie ignude , con la stessa Yenere
To: III. , I cle’Me-
loading ...