Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 154
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0162
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0162
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
l54 S A G G I O

furono privi di sepolcro e di esequie . Die-
tro ad Enea e alia Sibilla gruppa un drap-
pello delie anixne doienti, a cui fu nega-
to il passaggio ; tra ie quali due se ne
veggono ravvolte ne’lor panni, e per la
disperazione abbandonate sovra un masso .
Sulle priine linee del quadro rivolgesi ad
Enea un aitro gruppo d’ insepolti, Leucas-
pi, Oronte , e il vecchio Paiinuro tra essi
già condottiere e pilota della frigia arma-
ta, il quale con le mani giunte porge pre-
ghi ad Enea, perchè seco lo levi in suila
barca , onde almeno dopo morte possa tro-
var riposo , e non sia più lungamente il
suo cadavero ludibrio dei mare e dei ven-
ti. Cosi quello che in molti versi trovasi
sparso di Virgiiio , si vede ivi raccoito co-
me in foco , e concentrato dalla dotta pen-
na dei pittore (1) ; e meritava pur d’esse-

re

(i) Ibant obscuri sola suh ?iocte -per um-
bras ,

Perque domos Ditis vacuas et ina?iia re-
gna , etc.

Hinc via lartarei cjuce fert Acherontis
ad undas ;

Tur-
loading ...