Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 165
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0173
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0173
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SoPRA LA PiTTUÎlA . l6â

éi Ercole iia Gacli, non potrebbe egli for-
ipare uno emblema della emulazione, α
della sete di glcu'ia ? La incostanza delia
fortuna può essere assai bene rappre«enta-
tà da Mario sedenté in sulle róvine di Car-
tagine ; a cui in luogo di uno esercito
clie lo saluti imperatore t si fa incontro il
littore di Sestilio che gli dà il bando dall'
Asfrica : come della imprudenza può esse-
re una conveniente immagine <|uel Can-
daule > il quàle mostra ignucle le bellezze
della sua clonna all’ amico suo Gige, che
moltt> nofl tardò a farseli nemico, é a pu-
nirlo di sua leggerezza . Tali rappresenta-
zioni portano seco Ia spiegazion loro ; sen-
za che altri vi debba apporre il polizzino ,
e farvi il comento . E quand’ anche , a peg-
gio andare , non fossero penetrati la inten-
zione e il fìne del pittore ; non istarà per
questo di dilettar la pittura 5 e ciò in quel-
la guisa che piacciono le favole dels Ario-
sto , benchè uno non arrivi ad intendere
la. moralità che ci è sotto ; e piace la Enei-
de, benchè tutti non veggano le allusio^
ni ; e il doppio lavoro del poeta 1

L 3

DELLA
loading ...