Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 170
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0178
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0178
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
17° S A G G I O

te da cosa a cosa , meglio ne comprenda
il tutto insieme : maniera di fare, che ha
per altro il suo fondamento in natura, os-
servandosi che gli uomini, che si trovano
presenti a un’ azione , sogliono lhstringersi
qua e là come in varie compagnie, secon-
do che porta il temperamento, Γ età, le
varie loro condizioni. E con tale artihzio
hanno da essere distribuiti i gruppi, che
le masse riescano nel quadro ben distinte
Γ una dall’ altra , larghe, o vogliam dire
piazzate ; sicchè tutta la composizione ab-
bia del grandioso, come nelle opere del
Cortona e del Lanfranco bene spesso si ve-
de , che si dispieghi facilmente anche dalla
lungi, e quasi in una occhiata si comprenda .

A tutto ciò contribuirà moltissimo la ret-
ta collocazione dei colori. Riusciranno lar-
ghe le masse, se i colori, onde sono ri-
vestite le hgure che compongono ciascun
gruppo, non si vengano come tritando per
il troppo di varietà ,* e riusciranno ben di-
stinte tra loro , se tra i colori totali, dirò
cosi, di ciascun gruppo ci sia della oppo-
sizione ; così però , che non si sbattano Γ
un Γ altro per il troppo di contrarietà .

Ma
loading ...