Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 185
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0193
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0193
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SOPRA LA PlTTURÀi85
del coniinuo la patria loro per le vie del
mare, e tira a sè gli occlii di ognuno . In
tutti i quadri di Paolo veronese non so,
se si trovasse un.soio esempio di una be-
ne intesa e peregrina espressione, di uno
di quegli atti, che, come dice il Petrar-
ca, parlano con silenzio : se per avventu-
ra quello non fosse, che vedesi nelle noz-
ze di Cana Galilea assai singolare , e da
niuno che io sappia avvertito . Dall’ un ca-
po della mensa si fa innanzi allo sposo una
figura tenente nella mano destra un lem-
bo di un panno rosso , di cui è rivestita ,
e lo mostra allo sposo medesimo , che la
guarda in viso ; volendo dire, credo io ,
che il vino , in cui fu convertita Γ acqua,
era del coìore appunto di quel panno . II
vino effettivamente , che si vede nelle ur-
ne e dentro a’ bicchieri, è rosso . Ma nel-
la più parte nondimeno dei volti e degli
atti delle hgure del quadro non si scorge
segno niuno di maraviglia per Γ operato mi-
racolo ; e stannosi quasi tutte intente a
suonare , a mangiare , a darsi sollazzo . Ta-
le suole essere lo stile della scuola vene-

ziana .
loading ...