Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 189
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0197
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0197
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SoPRA LA PlTTUIlA. l8g

tore , che vuol prendere il più alto volo ;
essa è la ineta ultima dell’ arte sua, come
mostra Socrate a Parrasio (1) ; in essa sta
Ia muta poesia , e ciò, che chiamato è dal
nostro primo poeta un yisibile parlare.

DEI LIBRI CONVENIENTI
AL P ITTO RE.

Da quanto si è detto sinora assai chiaro
si può comprendere, come il pittore non
ha da essere sfornito di certe cognizioni}
nè sprovvisto ai tutto di libri . Credono i
più , che il solo libro utile a'pittori sia la
Iconologia , o vogliam dire le immagini del
Ripa ; o qualche altra simile leggenda . La
supellettile poi, che ad esso lui è più ne-
cessaria , la riducono ad alquanti gessi ca^
vati dalle cose antiche , o piuttosto a quel-
lo , che chiamava il Rembrante le sue co-
se antiche ; ed erano armadure , turbanti,
tagli di drappo , ogni sorta di arnesi , e
di vecchiume. In fatti sono anche tali co^

se

(1) Senofonte cose memorahili di Socrase

lib, III,
loading ...