Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 198
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0206
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0206
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ag8 S a g g I o

a maggior movimento di affetti, e contem
gono nna gran varietà di circostanze, le
quali concorrono tutte nello stesso punto di
tempo a formare una sola azion principa-
le . La storia di Coriolano , che posto avea
Γ assedio a Roma , quale è descritta da Li-
vio, può essere di ciò uno splendido esera-
pio . Niente di più vago che il sito mede-
simo del quadro, il quale dee rappresen-
tare il pretorio nel campo de’Volschi, col
Tevere nell’ inclietro e i sette colli, tra’
quali ha come da torreggiare il Campido-
glio . Nelle fìgure di soìdati di donne e
di fanciulli mescolati insieme , ch’ entrano
tutti nella composizione , non si può tro-
vare maggior varietà ; nè minore ella si
trova negli affetti, dovendo alcuno mostrar
desiderio che Coriolano sciolga Γ assedio ,
altri timore che il faccia, alcuni sospet-
to . II più pittoresco poi del quadro , è il
gruppo principale . Coriolano già sceso dal
tribunale per abbracciar la madre, si fer-
ma trattenuto da vergogna, come fu pri-
ma sospinto da amore , quando la madre
gli ebbe dette quelle parole : fermati ; cìi
io sappia innanzi tratto , sc sono per ab

brac-
loading ...