Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 205
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0213
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0213
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SOPRA LA PlTTURA , Λθ5

oracolo , il quale univa col sapere qualche
perizia cli raano , e somma esquisitezza di
gusto (i).

Che se con uomini a questi somiglianti
consigliato si fosse lo Spagnolo di Bologna,
non avrehbe mai rappresentato , come fece
per il Principe Eugenio , Chii-one neli’ at-
to cli dare un caicio aci Achille per non
aver dato in brocca nel tirar d’arco . Né
tampoco i pittori della Scuola veneziana
si sarebbero presi ne’ loro ciipinti tante li-
cenze , nè con simili direttori a sianco
avrebbono tanto peccato contro al costu-
me ,

DELLA IMPORTANZA
DEL GIUDIZIO DEL PUBBLICO,

\

E necessario che il pittore s’imprima for-
temente nell’animo, che niuno è miglior
giudice cieir arte sua, quanto è il vero di-
lettante , ed il pubblico (n). Guai a quel-

ie

(1) Vita del Galileo scritta dal Yiviani .

(2) Omnes enim tacito quodam se?isu , sine
ulla arte aut ratione, cjuœ sunt in artibus.

ac
loading ...