Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 234
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0242
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0242
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
S34 S A G G X O

lognese, e i primi delle altre scuole d’lta-
lia , è il Piubens principe della iiaminin-
ga, uomo di spiriti elevati, il quale fu ve-
duto pittore e ambasciatore ad un tempo
in un paese, che non molti anni dipoi in-
nalzo uno de’ maggiori suoi poeti a segre-
tario di stato . Sorti il Rubens da natura
uno ingegno sommamente vivace , e una
facilità di operare grandissima, a cui ven-
ne in ajuto la coltura della dottrina. Stu-
diò anch3 esso i nostri maestri , Tiziano
Tintoretto Caravaggio e Paolo , e tenne di
tutti un poco ; così però che predomina la
particolar sua maniera, una forza e una
grandiosità di stile , che è sua propria .
Fu nelle movenze più moderato del Tin-
toretto , più dolce nel chiaroscuro del Ca-
ravaggio ; non fu nelle composizioni cosi
ricco , nè cosi leggiadro nel tocco come
Paolo ; e nelle carnagioni fu sempre me-
no vero di Tiziano , e meno delicato del
suo proprio discepolo Yandike. Con poche
terre arrivò , come gli antichi maestri, a
comporre una varietà di tinte incredibile ;
seppe dare a3 colori una maravigliosa luci-
dità , e non minore armonia, non ostante

Pal-
loading ...