Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 276
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0284
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0284
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ίΐη§ Saggio sopra i? Âccademjâ
phe punlo non ayea da temere il confron--
to di Paolo , nè d’ altri valentuomini di quel
tempo ; e come era arrivato veramente a
irnpastare insieme il colorito diTiziano, e
il disegno di Michelagnolo . Tiziano convie-
ne vederlo aila scuola della Carità, a’Fra-
ri, a ss. Gio: e Paolo diVenezia nella tan-
to decantata tavola clel s. Pietro martire,
che sopra ogni altra sua opera lo qualiiica
quel soyrano maestro ch’egli è; il Bassano
nella natività, che ha dipinto per la patria
sua ; il Guercino nell’ apparizione di Cristo
alla Madonna, che è in Cento pure sua
patria ; Paolo veronese a s. Zaccaria, a s.
G iormo di Venezia, nel refettorio de’frati

Ό I

della Madonna del Monte di Vicenza, do-
ye è forse îa più bella Cena di quante ne
ha saputo imbandire. In Urbino, ed in
Pesaro si yuol cercare il Barroccio ; e la
virtù del Coreggio nell’ancona segnatamen-
te di s. Girolamo, che è.in Parma, e fu
dall’ erudito genio del Reale Infante conser-
vata ail’Itaiia. II valore di Annibale Carac-
ci lo mostra sopra tutto la galleria Farne-
se ; e s. Michele in bosco quello di Lodo-
viço, maestro di ogni stile, e posto dagli

ol-
loading ...