Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 278
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0286
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0286
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Saggio sopra l’ Accademia
dei Raffaelli e dei Tiziani ; come dai
gessi si studiano le antiche statue . II ges-
so è una fedele immagine, non ci è dub-
hio; della statua : e dove il getto sia fatto
a dovere, e ben conservato, puô guidar si-
curamente il giovane, quanto airaggiusta-
tezza del disëgno e alla simmetria, che è
una delle tante parti neçessarie a formare
uno eccellente dipintore . Non çosi le stani-
pe, le quali 5 quantunque sieno intagliate
da mano maestra, non saranno mai una fe-
dele immagine clel quadro. Possono esse
esprimere le attitudini, e i dintorni bensi
delle iigure, le arie dei volti in grandissi-
ma parte, la composizione e il tutto insie-
me del quadro ; ma non già la morbidezza
ultima delle carni, la freschezza e il sapo-
rito delle tinte ,- e per esse svanisce del tut-
to ciô che nella pittura maggiormente in-
canta, la maàa del coiorito : sono come
quelle fedeli traduzioni, che hannosi xn
prosa francese della Iliade e della Eneide,
le quali danno bensi una conveniente idea
della totale distribuzione, e di moltissime
parti di quei poemi , ma ad esse non si
rapporterà giammai chi formare si voglia
loading ...