Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 285
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0293
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0293
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ΏΙ FrANCIA CHE e’ IN PlOMA, 2,8$
ÎÏ quale climostrò in esso, come nel tem-
pio di s. Francesco di Rimini, che non
era meno bravo artebce di quel che si fos-?
se eccellente scrittore. Moltissime altre no -
bili fàbbriche rammentare si potriano ,
che pur sono senza onore cli stampa ; la
Libreria per esempio di s. Marco fonclata
dal Sansovino, e tanto clal Palladio esalta-
ta (i) j e la cappella de’Pellegrini, che è
in Yerona, di Michele da s. Micheie (2),

ar-

(1) Conciosia che non solo in Venezia , ove
tutte le buone arti fioriscono , e che sola n
è come eseinpio rimasa della grandezza e ma~
gTiificenza de Romani, si comincia a vecler
fiabbriche cli Jianno deJ buono , cla poicJie Mes?
ser Criacorao Sansovino scultore ed arcJiitetto
di Tiome celebre , cpmincio primo a fiar cono-
scere la bella maniera, come si vede {per la-
sciar addietro molte altre sue belle opere )
nelJa Procuratia nova, Ja cjuaJe è U pih 7'ic~
co, ed orjiato edificio , cJie fiorse sia stato
fiatto dagJi antichi -in qua ec.

Nel proemio clell’ architettura ,
(z) II signor marchese Masfei ne ha dato un
picciol rame nella sua Verona iJJustrata, il
qual fa si, che si desitleri sempre più di aver-

ne
loading ...