Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 304
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0312
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0312
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
3o4 Saggio sopra l Accademia
quadro clel Gigoli rappresentante la nativitâ
di Nostra Donna, che è nell' Annunziata
di Pistoja. In esso egli mostrò una tal for-
za di colore e una tal bravura di pennel*
lo con un cosi bene inteso artihzio di lu-
me, ch’egli sorpassò in quell’opera taluno
de’più rinomati Lombardi. Nella cattedra-
le diYenezia vedesi una tavola del Belluz-
zi cli un cosi grande efsetto di chiaroscuro ,
e nel refettorio cli s. Giovanni di Yerdara
in Padova una clel Yarotari di un cosi ar-
monioso impasto ed accordo, che nulPaltro
manca a tali opere, jierchè sieno poste tra
le piu insigni d’ Italia, che una maggior
celebrità di noine ne’loro autori. Chepiù?
da un certo Alberto Schiatti, noine ignoto
agl’intendenti medesimi, fu ordinato in Fer-
rara il palazzo de’Crispi. Nel cortile di es-
so composto di clue ordini., dorico e joni-
co, con arcate tra i pilastri ci è una. par-
ticolarità deana di molta considerazione :

D

che le imposte degli archi nell’jonico, in
luogo degli soliti membretti cli istelii e di
gole, hanno anch’ essi la voluia jonica ; il
ehe rende uno assai bello aspetto, e con-
suona a xnaraviglia col sistema di queli or-

dine ;
loading ...