Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 306
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0314
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0314
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
oo6 Saggio sopra l'Accademia
si sraclicare di Pioina Γ accadenria di Fram
cia, hanno anzi da desiclerare, ch’ella pos.
sa mettere in Fiorenza in Bologna e in Ye-
nezia di nuoyi germogli. Ben lungi dal vo-
ler ristrignere lo stuclio clei giovani loro
dentro al cerchio cliParigi, hanno anai da
desiderare, ch’ ei si vada ampliandp, ed
ispazj per tutto ìà, dove e’possa alimentar-
si ed accrescersi. Gogli eleganti ed inge-
gnosi loro scritti hanno da far si, che il
coinmercio delle belle arti, il più. ricco e
nobile trafiico che sia, si venga ad esten-
dere più che mai, colà penetrando dove
non è penetrato per ancora; e che si trag-
ga il maggior profitto, che trarre si pnò da
cjLielle accademié, che ad aumento delle
medesime arti vennero fondate dalla libera-
lità dei gran signori. Non sono certainen-
te cla tanto le accademie, che possano far
sorgere alcuno grandissimo ingegno , che il-
lumini verarngnte la età sua ; rna possono
bensi tenere in vita, e nutrire quelle facob
îà, che loro son date in cura, raantenere
e promuovere i migliori metodi di stuclia-
re, hene istituite e governate che sieno .
II lavoro delle miniere, dice un sovrano
loading ...