Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 315
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0323
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0323
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SOPRA l’Opera usr MüSICA . 5l5

il legame del balli con 1’azione, pep il de-
coro nelle scene , e come si pecca persino
nellà costruzione de’teatri ; egli sarà assai
facile a comprendere , cpialmente una sce-
nica rappresentazione, che dovrebbe di sua
natura esser tra tutte la più dilettevole,
riesca cotanto insipida e nojosa. Colpa del-
lo sconcerto, che viene a mettersi tra le
difserenti parti di essa ; d’lpiitazione non
resta più ombra : svanisce in tutto la illu-
sione, che può nascer solamente dall’accor-
do perfetto di quelle : e l’Opera in musi-
ca, una delle più artihziose congegnazioni
dello spirito ümano, torna una composizio-
ne lanauida sconnessa inverisimile mostruo-

O

sa grottesoa, degna delle male voci ehe le
vengon date, e della censura di coloro,
che trattano il piacere da quella importan-
te e seria cosa ch’egli è (1).

Ora

CO Tra le molte cose che allegar si po-
irebbono scritte contro all’Opera, uno scritto-
re inglese si esprime cosi : as the woters of
a certain fountain of Thessaly , from their
benumhing quality , could he contained itz
nothing hut the hoof os an ass, so can this

lan-
loading ...