Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 322
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0330
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0330
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
S Α G G I O

nelle corti de’principi e ne’palagi de’gran
signori , ci entravano sontuose macchine
con quanto di più mirabile ne presenta la
terra e il cielo , ci entravano numerosi co-
ri, danze di più maniere, ballo mescolato
col coro ; cose tutte che naturalmente for-
niva Ia qualità medesima dell’argomento. E
già non è da dubitare , che grandissimt) di-
letto non dovesse altrui porgere una tale rap-
presentazione ; siccotne quella, che nelia
unità del soggetto una varietà comprende-
va presso che inhnita d’ intrattenimenti.
Una assai fedele immagine di tutto ciò si
può vedere tuttora nel teatro di Francia,
dove FOpera vi fu trapiantata dal cardinal
Mazzarino, quale era a’suoi tempi in Ita-
lia. Se non che al decoro di simili rap-
presentazioni dovette di poi fare non pic-
eiolo torto ia introduzione dei personaggi
buffi, i quali non bene allegavano cogli
eroi e cogl’iddii ; e col fai' ridere fuor di
îempo isconcertavano la gravità dell’ azio-
ne. Deila quale sconvenevolezza pur rima-
ne ne’primi drammi francesi un qualclfc
vestigio.

Non istette lungo tempo FOpera a usci-

re
loading ...