Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 344
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0352
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0352
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
344 S A G G 1 Q

Quanto ai passaggi , prescrive la sana
ragione, che non convenga usargli, salvo-
chè nelle parole esprimenti passione o mo-
to : altrimenti non si hanno da dire, a pro-
priamente chiamargli, se non se interruzio-
ni del senso musicale.

Quelle repetizioni poi di parole, e que-
gli accozzamenti fatti soltanto in grazia del-
la musica, e che non formano senso veru-
no, quanto non sono essi mai nojosi ed in-
sofsribili? Le parole non si vogliono repli-
care, se non con quelT ordine che detta
la passione, e dopo finito il senso intero
deir aria : e il più delle volte non si dovreb-
be neppure dir da capo Ia prima parte ;
che è uno de’trovati moderni, e contrario
al naturale andamento del discorso e della
passione, i quali non si ripiegano altrimen-
tî in sè stessi, e dal più non tornano ai
xneno.

Potrà ancora ciascuno avere assai volte
avvertito, che il sentimento dell’ aria sarà
concitato e furioso. Ma scontrandosi in es-
sa le parole di padre o di figlio, non man-
ca quivi giammai il compositore di tener
le note raddolcendole il più ch'ei può, s

di
loading ...