Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 3) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-3]

Seite: 355
DOI Seite: 10.11588/diglit.28022#0363
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd3/0363
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SOPRA l’ Opera in Musica . 355

comi.co ha senza dubbio Γ attore ιίβΙΓ opera
in. musica, clove la recitazione è legata e
ristretta sotto le note, come nelle antiche
tragedie. Egli ha segnate con ciò le vie
tutte , che ha da tenere ; non può metter
piede in sallo, quanto alle differenti insses-
sioni, e durate delle voci sopra le parole
della parte sua ; che a lui esattamente le
prescrive il compositore . Ma non resta per
tutto questo, che molto ancora egli non
ci abbia a inetter clel suo. Che altro fa la
coregrafia, se non prescrive anch’essa al bal-
lerino insieme col tempo i patsi e i giri,
ch: egli ha da fare sopra le note delEaria?
Pur nondimeno non si può mettere in dub-
bio , che il dare a quei passi il loro £111-
mento sta al ballerino medesimo, e il con <
dirgli di quelle grazie, che ne son l’ani-
ma. Cosi nel recitativo ; oltre il gesto, che
è tutto proprio dels attore , certe sospensio-
ni, certe picciole pause, il calcar più in
nn luogo che in un altro, già non si pos-
sono scrivere : dipendono in tutto anch’ es-
se dalla intelligenza sua propria. E in cio
principalmente consiste quel flor di espres-
sione, che scolpisce le parole nella mente
Z 2 e pel
loading ...